Le Muse vicino al MUSE

Il nuovo MUSE,  museo delle scienze di Trento, è a due passi dal nostro B&B Le Muse.

Attraverso il nuovo sottopassaggio sotto alla ferrovia è possibile raggiungere il MUSE a piedi in soli 2 minuti!

Il passaggio pedonale ripristina l’antico passaggio che collegava i Tre Portoni in via S.Croce al Palazzo delle Albere, di fianco al MUSE.

Cos’è il muse? Ecco una descrizione tratta dal sito cultura.panorama.it che bene lo descrive…dopo la galleria fotografica!

Muse di Trento: le 6 cose da non perdere

Non solo spettacolare, il nuovo museo della scienza, Muse di Trento ideato da Renzo Piano, è un luogo interattivo, dove fare esperienze dirette e percorsi avventurosi

di Marina Jonna

Arrivi al Muse , il nuovo museo della scienza di Trento, e resti stupito da questa incredibile architettura realizzata su uno specchio d’acqua e firmata da Renzo Piano.

Innazitutto non è un museo classico, un luogo, per intenderci, dove il visitatore sfila davanti a reperti in vetrina. Lo studio Renzo Piano Building Workshop ha applicato il concetto di “zero gravity”: l’allestimento prevede degli oggetti esposti sospesi con cavi sottili; l’effetto è scenografico: tavoli, ripiani, pannelli, monitor e foto, alternati a rettili volanti di ogni genere, sono agganciati al soffitto o al pavimento con tiranti d’acciaio e sembrano fluttuare nell’aria. Questo allestimento, chiamato il “Grande vuoto”, unisce i sei piani connettendo il lucernario al piano interrato (dove si trovano i dinosauri). Ed è anche arricchito da effetti sonori.Quindi preparatevi a stupirvi: tante sono le cose che potrete scoprire strada facendo al suo interno. Noi ne abbiamo selezionate 6 che non dovete assolutamente perdere:

– Al quarto piano trovate il grande tunnel “Esperienza glaciale”:uno spazio di multivisione lungo 10 metri all’interno del quale il visitatore si troverà a vivere l’esperienza del volo sopra le Alpi, vivrà l’esperienza delle discese mozzafiato lungo pareti estreme e proverà quella terribile delle valanghe. Questo grazie ai filmati a 360° che ricreeranno queste situazioni, arricchite da effetti dolby surround.

– Vicino al tunnel, sempre al quarto piano, troverete un ponte attrezzato: un percorso di alta montagna con roccia e ghiaccio vero; un’esperienza da brivido che coinvolge tutti i sensi, dato che la prospettiva è libera sui 5 piani sottostanti. (Foto sopra dell’ Archivio Muse – Museo delle Scienze)

– Al terzo piano, il Labirinto della biodiversità, dedicato al bosco, darà modo al visitatore di affacciarsi su diversi panorami alpini per toccare con mano i diversi eco-sistemi che li caratterizzano. Accanto, la Discovery room, accoglierà gli ospiti più piccoli (4/8 anni): uno spazio attrezzato che li aiuterà a scoprire il mondo naturale attraverso tutti i sensi.

– Al primo piano, la Time machine: una grotta multimediale. All’interno le scene di vita preistorica saranno rappresentate sia sulle pareti che sugli schermi posti al centro: qui, illuminato da un suggestivo fuoco, viene ricreato un rito sciamanico ambientato nel sito preistorico di Riparo Dalmeri (santuario della preistoria alpina risalente a circa tredici mila anni  fa).

– E sempre al primo piano vi consigliamo un passaggio al FabLab (fabrication laboratory): una piccola officina aperta al pubblico che offre strumenti per la “personal – digital fabrication” quali stampanti 3D, laser cutter, plotter vinilici, una batteria di processori Arduino. E si potrà produrre di tutto: dai giocattoli ai prodotti alimentari, dai mobili agli strumenti musicali.

– Al piano 0, per chi ha bambini da 0  a 5 anni, consigliamo una visita allo spazio Maxi Ooh! che si anima in presenza dei piccoli ospiti e interagisce con loro (ed è divertente anche per gli adulti che li accompagnano).

Questi gli spazi da provare: ma ce ne sono tanti altri che scoprirete lungo la vostra visita. Oltre alle esposizioni permanenti, ce ne saranno diverse temporanee da ammirare. E tantissimi i laboratori di ricerca dove potrete anche intrattenervi con gli esperti che vi accompagneranno alla scoperta di fenomeni scientifici e naturali. Il Muse si trova a Trento in viale del Lavoro e della Scienza 3, una via all’interno del nuovo quartiere Le Albere .

I commenti sono chiusi